Luna di miele samovar viaggi

LUNA DI MIELE 2021: INDIMENTICABILE E SICURA

Luna di miele 2021: indimenticabile e sicura

Dopo aver deciso la data delle nozze, prenotato la location, parlato con il catering che avete incaricato di organizzare il vostro ricevimento, deciso l’allestimento floreale di chiesa e tavoli, scelto le partecipazioni e le bomboniere, (quasi) deciso anche l’abito da sposa…ecco, adesso è il momento forse più atteso da tutte le coppie: scegliere la destinazione della luna di miele!

Il tanto desiderato viaggio di nozze, quelle tanto attese settimane di puro e sano relax in una meta esotica che rimarrà per sempre nei vostri cuori, o quei giorni di tour così intensi alla scoperta del Paese che sognavate di vedere da tutta la vita ai quali però seguiranno momenti rilassanti magari in un resort esclusivo affacciato su una delle spiagge più belle del modo. Insomma, quale che sia la tipologia di viaggio che sceglierete, andrà organizzato nei minimi dettagli perché dovrà rendere unica ogni vostra emozione.

Provate, già da adesso, ad immaginarvi lì, a cena a lume di candela, con la brezza della sera complice della vostra felicità e dell’unicità del momento. Provate a pensare che in quei giorni ogni vostro desiderio può trasformarsi in realtà.

Ed è per questo che la sua organizzazione merita il più accurato studio dei vostri desideri e la migliore interpretazione degli stessi da parte dell’agenzia. E’ indispensabile potersi affidare all’esperienza di professionisti esperti e preparati, in grado di consigliarvi su destinazioni e locations, sui servizi da includere per rendere la vostra luna di miele indimenticabile, ma anche su che cosa mettere in valigia, pronti a chiarire ogni vostro dubbio… i migliori nel trasformare ogni vostro desiderio in realtà.

Come funziona la lista di nozze in agenzia

E il modo più semplice e sicuro per poter realizzare il vostro sogno è quello di aprire una lista di nozze in agenzia. In questo modo, inviandola direttamente ai vostri invitati, potrete condividere con loro il vostro desiderio e loro potranno così aiutarvi a realizzarlo, versando la quota che intendono regalarvi direttamente sul conto corrente stabilito oppure venendo personalmente in agenzia.

Laddove poi le quote versate a mo’ di regalo eccedessero il valore del vostro viaggio di nozze, potrete decidere se farvi bonificare l’importo in eccedenza oppure lasciarlo in agenzia per un prossimo viaggio. La lista di nozze così impostata vi consente di stare quotidianamente aggiornati sui regali (versamenti) che vi vengono fatti, potendo quindi, da parte vostra, ringraziare anche subito i diretti interessati, se volete.

Inoltre, sul sito web a voi dedicato e abbinato appunto alla lista di nozze potete caricare foto e video che vi riguardano, facendolo diventare un ulteriore modo di condividere con amici, colleghi e parenti il periodo più bello della vostra vita! L’attivazione della lista è ovviamente gratuita e l’aiuto che vi darà è invece molto molto grande.

Scopriamo quali saranno le mete da non perdere per la luna di miele 2021, ma prima…

Vediamo come è cambiato viaggiare e come farlo in sicurezza

Il Covid ha cambiato in parte le nostre abitudini, scoraggiando in parte anche la nostra voglia di viaggiare, almeno nell’immediato, ma certamente sarà la prima cosa che torneremo a fare “a pieni polmoni” non appena le restrizioni termineranno e sarà già operativo il vaccino.

Non sappiamo, ad oggi, quanti mesi ci vorranno ancora e quindi, a maggior ragione, affidarsi agli agenti di viaggio è la soluzione migliore per ricevere garanzia e assistenza a 360°, senza rischiare di perdere la vacanza tanto sognata proprio perché si è sottoscritta una polizza assicurativa che vi rimborserà qualora vi venisse negato l’imbarco per una temperatura corporea che fosse oltre il limite consentito, ad esempio.

Sempre in termini di sicurezza, va detto che le misure di contenimento del virus le ritroviamo certamente anche nei luoghi di maggior affollamento turistico, quali aeroporti, strutture ricettive e attrazioni turistiche in genere. Igienizzanti, mascherine, divisori in plexiglass, distanziamento sociale, sanificazione vengono integrati dalla misurazione della temperatura corporea nei terminal per l’imbarco in aereo o in nave da crociera.

Tuttavia, va anche detto che, in questa fase, sono ancora molti i Paesi che, pur avendo riaperto i confini, consentono l’ingresso solo a chi presenta un certificato Covid-free, da effettuare non prima dei tre giorni precedenti la partenza o a chi accetta di sottoporsi al tampone all’arrivo e si isola in attesa del risultato.

Tuttavia, questa fase “grigia” finirà e noi torneremo a viaggiare, seppur in sicurezza, completamente liberi. Nell’attesa, vediamo allora quali sono le mete più richieste per i viaggi nel 2021, dove vivere magari un romanticissimo destination wedding o una luna di miele indimenticabile.

Top 6 destinations

Mete tra cui scegliere per poter dar vita ad un viaggio che conserverete tra i vostri ricordi più belli.

Maldive

Le Maldive sono l’eden terrestre, quelle dove la natura ci offre uno spettacolo unico al mondo e dove il relax la fa da padrone. Là dove si possono fare le immersioni alla scoperta della barriera corallina per poi riposarsi su spiagge paradisiache.  Sono un arcipelago formato da più di mille isolette nel bel mezzo dell’Oceano Indiano, nell’Asia Meridionale.

Gli atolli più grandi e anche quelli più frequentati sono Malè Nord, Malè Sud e Ari. Se invece si è disposti a fare qualche miglio marino in più o a stare qualche decina di minuti in più sull’idrovolante, si possono raggiungere gli atolli più settentrionali, per godersi una maggiore intimità nei numerosi resort di lusso che vi sono.

Le Maldive sono raggiungibili in circa 10 ore di volo diretto dall’Italia. Il periodo ottimale per visitarle va da Dicembre ad Aprile, ovvero durante la stagione secca.

Maldive pontile luna di miele Samovar Viaggi maldives beach luna di miele samovar viaggi

Bali

Siamo in Indonesia, una destinazione scelta da chi vuole stare a contatto con la natura e con la propria spiritualità. In quella parte di mondo dove il resort che sceglierete potrebbe affacciarsi su un tempio sacro indù, come ad esempio i suggestivi Pura Ulun Danu Bratan e Pura Penataran Agung Lempuyang.

Ma a Bali, oltre alla bellezza del paesaggio e alla grande spiritualità emanata da molti dei suoi luoghi, si può anche godere di spiagge bellissime e di onde particolarmente amate dai surfisti, come ad esempio Kuta Beach e Seminyak Beach.

Il periodo migliore per visitare l’isola va da Giugno a Settembre, quando le piogge sono rarissime.

Indonesia luna di miele samovar viaggi  Bali sea luna di miele samovar viaggi

Messico

Destinazione che si presta benissimo per un combinato di tour + vacanza mare e relax. Il Messico è uno dei Paesi dell’America centrale più amati dai turisti, non solo per il suo clima piacevole e per le sue spiagge bianche tipiche dell’area caraibica, ma anche per la storia e i siti archeologici, quali ad esempio Chichen Itza, dedicato alla civiltà Maya, che incantano tanto quanto le spiagge paradisiache di Cancun o Acapulco.

La cultura e le tradizioni del Massico sono contagiose…e difficilmente ripartirete senza esservi comprati una t-shirt con il volto di Frida Calho o un teschio (calavera, in spagnolo) dipinto a mano.

Il periodo migliore per visitarlo va da Maggio a Settembre.

messico day of the dead luna di miele samovar viaggi messico sea luna di miele samovar viaggi Messico pyramid luna di miele samovar viaggi

Stati Uniti e Aruba

Si tratta di un classico, un evergreen per così dire, che permette agli sposi di vivere gli States in tutto il loro splendore per poi riposarsi in una delle isole più belle dei Caraibi.

La prima tappa è senza dubbio New York, la Grande Mela, per poi proseguire verso le Cascate del Niagara e Washington D.C. Poi, con un volo diretto, si raggiungerà Los Angeles, per godere appieno del suo fascino molto fashion e visitare anche il vicino Grand Canyon e la Monument Valley. I giorni della vostra luna di miele dedicati al tour si concludono a Las Vegas e nella caotica San Francisco.

Da qui si parte alla volta dei Caraibi, stop e relax ad Aruba. Una delle isole più amate perché è sempre baciata dal sole e le sue spiagge di sabbia bianchissima sono soffici come il cotone. Aruba, infatti, è fuori dalla rotta degli Uragani, quindi vanta un clima bellissimo tutto l’anno.

La vita notturna sull’isola è fra le più apprezzate dei Caraibi. Bar sulla spiaggia, casinò e locali vivaci invogliano a fare le ore piccole sorseggiando cocktail e chiacchierando tra amici.

aruba beach luna di miele samovar viaggi Aruba flamingo luna di miele samovar viaggi New York City luna di miele samovar viaggi Stati Uniti monument valley luna di miele samovar viaggi

Grecia

E torniamo in Europa, con l’offerta della Grecia, perfetta per chi non vuole fare viaggi lunghi e per chi desidera una calda luna di miele tra Aprile e Ottobre. La Grecia è la destinazione perfetta per trascorrere giorni fantastici all’insegna della cultura, del divertimento e del relax. Oltre ad Atene, sede dell’antica acropoli, ci sono anche più di 200 isole ed isolette, tutte abitate e visitabili, ma le più visitate sono senza dubbio Creta, Corfù, Mikonos e Santorini.

Mykonos beach luna di miele samovar viaggi Santorini panoramic view luna di miele samovar viaggi

Italia

Ed eccoci nel Bel Paese, per tutti coloro che non se la sentissero di uscire dai confini nazionali per trasco

rrere una luna di miele felice. E certamente il patrimonio storico-artistico che vantiamo, così come le bellezze paesaggistiche di cui andiamo orgogliosi, ci inseriscono tra le prime destinazioni al mondo preferite dagli stranieri, non solo per trascorrervi le vacanze ma anche per il loro destination wedding. Dal Lago di Como alle Dolomiti, dalle Cinque Terre alla Toscana, da Firenze a Roma, da Venezia alla Costiera Amalfitana, dalla Sicilia alla Sardegna.

Cinque Terre Italia luna di miele samovar viaggi Venezia Italy luna di miele samovar viaggi

Israele hills samovar viaggi

ISRAELE : DOVE IL SOLE SPLENDE TUTTO L’ANNO

Israele, un intreccio di colori e di cultura

Paese sicuro, affacciato su 4 mari

Un Paese dove il sole splende tutto l’anno, dove il paesaggio è un intreccio di colori: l’ocra dorato del deserto, il verde brillante delle palme e delle foreste, il blu cangiante del mare, anzi di quattro splendidi mari. Il Mar Rosso, famoso per i suoi fondali, il Mar Morto dalle proprietà terapeutiche, il lago di Tiberiade altrimenti detto Mare di Galilea ed il Mediterraneo, bacino di cultura.
Che siate spinti da un interesse religioso, storico archeologico, naturalistico, politico  o semplicemente turistico, Israele è pronta a svelarsi a voi con tutto il suo carico di sacralità, storia e contraddizioni. Una terra ricca di tradizioni antiche e talvolta diverse che si sovrappongono e si stratificano, in una convivenza non facile ma certamente molto interessante.

Approfittate delle calde e secche estati che si protraggono da aprile fino a ottobre, oppure del mite inverno tra novembre e marzo per camminare su una terra che è madre della storia. Lasciatevi coinvolgere dalla bellezza incantatrice di questo centro energico, religioso e culturale che offre ai suoi turisti paesaggi, luoghi e scenari mozzafiato. A Gerusalemme bellezza e storia si incontrano, qui si trovano i luoghi di culto più cari alle tre grandi religioni monoteiste. Stupitevi del fermento intellettuale a cui assisterete. Questo è un paese all’avanguardia, dotato delle strutture più moderne, in cui si parlano moltissime lingue: l’ebraico, l’inglese, l’arabo, il francese, il tedesco, l’italiano e altre ancora; qui convivono misticismo e tecnologia, scienza e religione, bellezze naturali e divertimento.

Israele deserto samovar viaggi Israele hills samovar viaggi

La custodia di Terra Santa

La Croce di Gerusalemme è l’ emblema della Custodia di Terra Santa
Nel 1219, San Francesco di Assisi si imbarcò da Ancona per visitare la Provincia di Terra Santa. Il frate di Assisi prese parte come messaggero di pace alla Quinta Crociata; lo sbarco in Egitto sul fronte della guerra per la conquista di Damietta, lo indusse ad ottenere il permesso dal delegato pontificio di incontrare, a suo rischio e pericolo, il sultano al-Malik al-Kamil. L’incontro costituisce ancora oggi una della pagine più importanti della storia dell’Ordine francescano e del dialogo tra cristiani e mussulmani.

Oggi la Custodia di Terra Santa, in cui offrono  il proprio servizio oltre 300 religiosi provenienti da 32 Paesi, ha la responsabilità dei luoghi cari ai cattolici quali la Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme, la Basilica della Natività a Betlemme, la Basilica dell’Annunciazione a Nazareth, la Grotta degli Apostoli a nord dell’Orto degli Ulivi, le rovine del Santuario della Trasfigurazione.

L’accesso al Paese

implica una lunga trafila di controlli aeroportuali.
La presenza di timbri o visti di alcuni Paesi arabi o islamici o considerati sensibili sul passaporto non costituisce, di per sé, motivo di respingimento alla frontiera israeliana ma può rappresentare un pregiudizio sfavorevole per la Polizia di frontiera, che può sottoporre il viaggiatore a lunghi ed approfonditi controlli con esito imprevedibile. I controlli di sicurezza in aeroporto – sia in arrivo sia in partenza – possono talvolta durare a lungo ed essere assai approfonditi e talvolta anche invasivi.

Assolutamente da non perdere

Gerusalemme

Gerusalemme (Yerushalayim o “città della pace”, in ebraico), un tempo capitale del regno di Giuda, è ora la città più contesa al mondo. Gli israeliani la considerano la loro legittima capitale, ma la comunità internazionale non la riconosce come tale. Sede di un patriarcato cattolico-romano, di uno greco-ortodosso, di uno armeno e di un vescovado anglicano, Gerusalemme, come città del Tempio di Salomone, della Passione di Gesù Cristo e dell’ascesa di Maometto al cielo, è sacra ugualmente a ebrei, cristiani e musulmani.

La città è costellata di sinagoghe, moschee e chiese ed è visitata in ogni periodo dell’anno dai pellegrini. La parte antica, chiamata Città Vecchia, è stata riconosciuta Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1981 e all’interno della sua cinta muraria lunga 4 km, contiene quattro quartieri distinti: quello ebraico, quello cristiano, l’armeno e quello musulmano.

Proprio il principale luogo di culto islamico, la Moschea della Cupola della Roccia, è il simbolo della città. Altro simbolo è la Basilica cristiana del Santo Sepolcro, costruita su una preesistente basilica del IV secolo, a sua volta eretta sul luogo tradizionalmente considerato la tomba di Cristo. Infine, il monumento più visitato, è l’emblematico Muro Occidentale o Muro del Pianto, luogo sacro per eccellenza degli ebrei, residuo del Tempio costruito da Erode il Grande, re di Giudea.

Geruralemme kubbetus sahara samovar viaggi Geruralemme terra santa samovar viaggi

Tel Aviv e Jaffa

Tel Aviv è una città attiva 24 ore al giorno, rigogliosa di cultura, divertimento e commercio, con le sue spiagge d’oro, i mercati, la vita notturna famosa in tutto il mondo e gli esclusivi centri commerciali. Un’autentica metropoli cosmopolita, dove tradizione e modernità si incontrano, tra l’architettura contemporanea e le vie dei tempi antichi. Tel Aviv ha già compiuto 100 anni ma la sua linea di confine più a sud, il porto di Jaffa, possiede una storia che risale almeno a 5000 anni fa.

Agitata ininterrottamente dal vigore dei mercati delle pulci affacciati lungo le strade, non vi è nulla che possa competere con la sua vita notturna: sulla spiaggia, party e grigliate iniziano mentre il sole sta ancora sfiorando l’orizzonte e, quando è tramontato, ognuno si sta già muovendo verso gli eleganti ristoranti di Jaffa o del centro, i caffè e i club, che rimarranno aperti fino all’alba.

Tel Aviv beach samovar viaggi Tel Aviv Jaffa port Samovar viaggi Tel Aviv jaffa samovar viaggi

Cesarea in Palestina

Cesarea, città e porto in Israele, fu fondata da Erode il Grande tra il 25 a.C. e il 13 a.C. ed è situata sulla costa israeliana, tra Tel Aviv e Haifa. La città, conosciuta con molti nomi (tra cui: Cesarea Marittima, Colonia Prima Flavia Augusta Caesariensis, Cesarea di Erode, Horvat Qesari, Kaisariyeh, Kessaria, Metropoli della provincia di Siria e Palestina, Migdal Shorshon, Qaisariya, Qaisariyeh, Qaysariyah, Qesari, Qisri, Qisrin), porta lo stesso nome di molte altre città dell’era romana, tra cui Cesarea di Filippo sulle alture del Golan e Cesarea Mazaca in Cappadocia.

AKKO (San Giovanni d’Acri)

Le antiche e maestose mura di Akko, difesa e roccaforte della città, sono circondate dal mare. La città è un punto d’incontro tra est e ovest, tra antico e moderno, tra bellezza e storia,  la sua unicità, l’infinità di luoghi di interesse turistico, rendono la sua visita un’avventura entusiasmante. Nei tempi antichi era una delle più importanti città della regione, sede di diverse culture, conquista dei Crociati e dimora degli Ottomani per molti secoli. Persino Napoleone tentò di impadronirsene ma dopo due mesi di fallimentare assedio, dovette desistere.

Il fascino della storia trascorsa tra le sue mura, le tracce lasciate dai conquistatori, gli edifici da cui è adornata, i vicoli attorniati da alte mura,  i passaggi sotterranei, una  enorme moschea, un monastero cristiano, un bagno turco, lo straordinario tunnel sotterrano lungo 350 metri costruiti dai Cavalieri Templari nel 1300, le affascinanti scoperte archeologiche e i luoghi di culto procurano profonde emozioni .

akko decorations samovar viaggi Akko old akko samovar viaggi

Haifa

Haifa è una città di 265.000 abitanti, capoluogo del distretto omonimo, posta sulla baia omonima.
In Israele c’è un detto che dice: a Gerusalemme si prega, a Tel Aviv ci si diverte e ad Haifa si lavora. Haifa è il primo porto israeliano, che fu creato negli anni del Mandato britannico. Oggi è il secondo scalo marittimo per attività dopo Ashdod. La città sorge in una baia naturale dalle origini molto antiche, ai piedi del Monte Carmelo, zona ormai inglobata nella città, sulle cui pendici vi è una grotta dove, secondo la  tradizione, dimorò il profeta Elia.

Attualmente Haifa ha popolazione multietnica e multireligiosa, in prevalenza ebraica, ma con presenza musulmana, cristiana e drusa. Negli anni si è espansa sulle pendici del monte e si sono costituite così la città bassa, la città media e la città alta.

haifa israele samovar viaggi haifa israel samovar haifa terminal port israel samovar viaggi

Tiberiade

Tiberiade venne costruita attorno all’anno 20 da Erode Antipa, figlio di Erode il Grande, sul sito del villaggio di Rakkat, con lo scopo di farne la capitale del Regno di Galilea. Il nome Tiberiade venne scelto per onorare l’imperatore romano Tiberio. Oggi Tiberiade è la meta vacanziera preferita della  Israele settentrionale.

Il mare di Galilea, detto anche Lago di Tiberiade o di Genezaret o di Kinneret, è il più grande lago d’acqua dolce dello Stato di Israele, con una circonferenza di circa 53 km.
Il mare di Galilea è conosciuto soprattutto per essere stato, secondo i Vangeli, la sede principale della predicazione di Gesù. Essi narrano che Egli visitò più volte molte località poste sulle rive del lago, attraversandolo spesso in barca.

lago di tiberiade bazaar samovar viaggi lago di tiberiade mare di galilea samovar viaggi

Nazaret

Nazaret nel periodo in cui visse Gesù, era  un piccolo villaggio di qualche decina di case…
Testimonianze archeologiche indicano che a quel tempo si trattava di un villaggio agricolo di appena duecento abitanti circa. Questo quindi spiega la mancanza di riferimenti anteriori, visto che non è citato tra le 45 città della Galilea enumerate dallo storico ebreo dell’epoca Giuseppe Flavio né tra le 63 città della Galilea citate  nel Talmud.  Menzionata nel Vangelo per la prima volta a proposito dell’Annuncio a Maria da parte dell’arcangelo Gabriele, questa piccola borgata della Galilea divenne celebre in tutto l’universo…

Masada

Masada era un’antica fortezza posta  su un altopiano di circa 6 km²,  situato a 400 metri di altitudine rispetto al Mar Morto, nella Giudea sud-orientale, in territorio israeliano, vicino all’attuale Palestina. La racchiudevano mura alte cinque metri  lungo un perimetro di un chilometro e mezzo, con una quarantina di torri alte più di venti metri, che la rendevano pressoché inespugnabile.  Nel primo secolo a.C. la fortezza costituiva  una delle residenze di Erode il Grande che tra il 37 a.C. e il 31 a.C. la fece fortificare.

Arroccata su tre diversi livelli verso lo strapiombo sul lato nord della rupe, era dotata di terme con caldaia centrale, magazzini sotterranei ed ampie cisterne per la raccolta dell’acqua. Nel 66 d .C. a Masada si arroccarono un migliaio di Zeloti che vi si insediarono con donne e bambini; quattro anni dopo – nell’anno 70 – caduta Gerusalemme, vi trovarono rifugio gli ultimi strenui ribelli non ancora sottomessi dai Romani.

masada sunrise samovar masada israel samovar

Saremo lieti di organizzare per voi uno splendido viaggio in questa Terra ricca di cultura e di bellezza.

Rovaniemi lapponia samovar viaggi

NATALE 2020! BENVENUTI A ROVANIEMI!

Si scrive Lapponia, si legge “la terra di Babbo Natale”

Siamo oltre il Circolo Polare Artico, a più di 800 km da Helsinki. Siamo dove il cielo cambia colore con le aurore boreali, dove le renne sono il simbolo del luogo e le puoi vedere per strada e anche dove le colline increspano il paesaggio nevoso; siamo a Rovaniemi, nella Lapponia finlandese, nella terra dove ognuno di noi, almeno una volta nella vita, vorrebbe stare, e il cui abitante più celebre si veste di rosso tutto l’anno: Benvenuti nella terra di Babbo Natale!

E’ proprio qui che si trova il Santa Claus Village, con l’ufficio postale che riceve le letterine dai bambini di tutto il mondo. Dal 1985 sono arrivate oltre 15 milioni di lettere da tutti i Paesi. A smistarle sono gli elfi di Babbo Natale, ovviamente. A proposito, se volete scriverne una anche voi, questo è l’indirizzo: Santa Claus – Santa Claus’ Main Post Office – Tähtikuja 1 – 96930 Arctic Circle – Finland.

Il Santa Claus Village è situato proprio sulla linea (immaginaria) del Circolo Polare Artico ed è qui che Babbo Natale trascorre la maggior parte dell’anno, per incontrare visitatori provenienti da tutto il mondo e per preparare i regali per tutti i bambini, assistito dai suoi instancabili elfi. E non provate a dire che Babbo Natale non esiste!

Santa Claus Village Lapland samovar viaggi natale 2020 Santa Claus Finland Samovar viaggi natale 2020 Lapponia Renne samovar viaggi 1 Lapponia reindeer snow samovar viaggi 1 Lapponia husky sled samovar viaggi 1 igloos and chalet Lapponia Samovar viaggi 1 Santa Claus Village Lapland samovar viaggi Finlandia northern lights Samovar viaggi 1

E oltre a Babbo Natale a Rovaniemi si possono fare tante altre cose

Ad esempio non si può lasciare questo magico paese senza aver visitato l’Arctic Science Centre e il Regional Museum of Lapland, così come il Santa’s House of Snowmobiles, una mostra permanente che racconta l’importanza della motoslitta per vivere in Lapponia e nelle regioni artiche.

Nelle vicinanze si trova anche l’Arctic Circle Snowmobile Park che organizza safari in motoslitta e altre attività speciali per bambini. Per tutti coloro che invece preferiscono qualcosa di un po’ meno rumoroso, vengono organizzate gite in slitta trainata da renne o da husky. Insomma, un mondo incantato e bello da vivere.

La Lapponia è anche la terra del ghiaccio ed è per questo che non potete perdervi l’esperienza fantastica di cenare nel ristorante di ghiaccio, ad esempio, al ritorno dal quale la degna conclusione della serata sarebbe il pernottamento in un igloo hotel fatto da camere-igloo con vetro termico dal quale poter godere dello spettacolo più bello del mondo: il cielo di notte che si veste dell’aurora boreale!

Beh, ce ne sono di cose da fare e da vedere in un Paese che è famoso in tutto il mondo per ospitare la casa di Babbo Natale!

La durata perfetta per questo tipo di viaggio sono 5 giorni-4 notti, ma anche con 4 giorni-3 notti si riesce a fare praticamente tutto, basta una buona organizzazione.

Informazioni (tecniche) utili

Durata del volo. Il volo, da Milano, dura poco più di 4 ore

Documenti. Carta di identità o passaporto in corso di validità. Per i bambini fino a 14 anni, passaporto o carta di identità accompagnata da certificato di nascita. Le carte di identità con timbro di proroga o carta di identità elettronica con proroga su certificato separato non consentono l’ingresso nel Paese

Valuta e carte di credito. Euro. Accettate tutte le principali carte di credito.

Lingua.  Quella ufficiale è il finlandese, ma l’inglese è molto conosciuto, quindi lo si utilizza con facilità. Per non parlare poi di Babbo Natale…che parla TUTTE le lingue del mondo! 

Fuso orario. La differenza con l’Italia è di + 1 ora

Clima. in inverno il clima è rigido, con temperature medie tra 2° e -10°. Il crepuscolo inizia già dal primo pomeriggio.

Abbigliamento termico

Il tour operator vi offre, per l’intera durata del soggiorno in Lapponia, l’abbigliamento termico idoneo per le attività all’aperto:

  • tuta termica
  • guanti
  • calzettoni
  • scarponi

Materiale fornito per l’escursione in motoslitta:

  • casco
  • sotto-casco usa e getta

Per i bambini, vi segnaliamo che la taglia più piccola per la tuta termica, è 100 cm di altezza e per gli scarponcini il numero 29.

L’equipaggiamento termico non è sostitutivo del normale abbigliamento invernale, ma è solo un’ulteriore protezione. Vi consigliamo quindi di portare un normale abbigliamento invernale da montagna, preferibilmente in materiale tecnico come: pantaloni, maglioni, calzettoni, cappello, calzamaglia e intimo.

 

 

 

 

 

dalia abito sposa camelia spose samovar

ABITO DA SPOSA 2021: I CONSIGLI DELLA STILISTA

Abito da sposa: come scegliere il modello giusto per te

Certo è che negli ultimi mesi parlare di matrimonio e di abito da sposa non è stato semplice: tra cerimonie annullate, rimandate, celebrate con restrizioni e distanze di sicurezza, il mondo del wedding è scivolato anche lui in una malinconia contagiosa, dalla quale era difficile riuscire a guardare al futuro con fiducia. Ma adesso quello che conta è riuscire a fare programmi, a pensare alla primavera e alle nuove tendenze, a parlare di novità e a sognare l’abito bianco!

Finalmente è arrivato il momento di scegliere il tanto sognato abito da sposa, appunto. Ma quante volte lo avrai già visto sulle riviste specializzate o su Instagram e avrai detto: “ecco, è lui”…per poi però, subito dopo, pensare magari:” e se lo scollo è troppo profondo?”, “e se la gonna è troppo ingombrante?”, “e il tessuto?”…per non parlare poi del colore, del “bianco” giusto. Sì, perchè riuscire a cogliere le sfumature sottili che distinguono un bianco dall’altro non è affatto semplice, ci vuole un occhio esperto.

Ma quel che è certo è che le spose non devono preoccuparsi: ci sono tantissime aziende e atelier che ogni anno propongono versioni diverse e bellissime dell’abito da sposa e per chi ama provarne tanti, c’è solo l’imbarazzo della scelta! Scegliere il modello di abito da sposa perfetto è il sogno di tutte…e noi vogliamo aiutarvi facendovi vedere le bellissime creazioni di Camelia Spose, incontrando la stilita, Chiara Ferrato, che certamente saprà ispirarvi al meglio in questa scelta, perchè la sua creatività non si è mai arrestata e ha continuato a mettere la sua passione a servizio di un giorno tanto importante come quello del matrimonio!

Parleremo delle tendenze 2021, di come capire quale sia lo stile più adatto ad ognuno di noi, dei dettagli che valorizzano la silhouette, dei tagli più cool, di come scegliere il colore, di come far sì che l’abito rispetti il tema scelto per il matrimonio e anche di come sentirsi a proprio agio con l’abito più importante della nostra vita. Riuscite già ad immaginarvi sulla porta della chiesa o all’inizio del viale a fianco del vostro sposo? Bene, allora avete le idee già molto chiare. Non vi resta che capire se le creazioni di Camelia Spose esaudiscono il vostro desiderio. Buona lettura e buona visione!

dalia abito sposa camelia spose samovar stella alpina sposa camelia spose samovar antonio riva sposa samovar cardamoro sposa camelia spose samovar simone marulli sposa camelia spose

Iniziamo con una breve presentazione dell’atelier Camelia Spose

L’atelier Camelia Spose, situato a due passi dalla Torre di Pisa, offre uno spazio interamente dedicato alla sposa e alle sue amiche, che saranno accolte in un clima accogliente e professionale circondate da abiti che sono creazioni sartoriali, pensati per valorizzare al massimo la figura di chi li indossa. Preziosi, eleganti, ma anche semplici nell’estetica e raffinati nella manifattura. Gli abiti firmati Camelia Spose si riconoscono per la loro grande capacità di unire alla femminilità e alle sensualità delle linee lo stile moderno e l’eleganza tipica del design d’altri tempi. Indossarli è realizzare un sogno!

A che punto dell’agenda del matrimonio si sceglie l’abito da sposa?

Non c’è un momento preciso per iniziare la ricerca, naturalmente il prima possibile. Se si ha la possibilità, la cosa migliore sarebbe quella di fissare le prime prove intorno ai 6 mesi precedenti alla data del matrimonio, per avere il tempo necessario per scegliere l’abito giusto, ordinarlo o produrlo e poter fare le prove con calma e tranquillità.

Perchè una sposa dovrebbe scegliere un abito di Chiara Ferrato?

Gli abiti Camelia Spose vengono realizzati in esclusiva per ogni sposa, studiando assieme modello e stoffe in ogni dettaglio.

Da noi le spose hanno la possibilità di veder realizzato, passo dopo passo, l’abito che desiderano, creato appositamente per loro nella nostra sartoria interna, con l’opportunità di scegliere accessori e scarpe anch’essi artigianali e personalizzabili, creando così un look ed unico ed armonico.

Ogni nostro abito racchiude il sogno della sposa che prende forma e la nostra passione messa giorno dopo giorno nella realizzazione.

Quali sono le richieste più comuni che ricevi da parte delle spose?

Non succede di aver vere e proprie richieste comuni, ogni sposa ha esigenze e desideri differenti, ma capita spesso che vengano in atelier con un’idea più o meno precisa di quello che vorrebbero e una volta provato qualche abito rimangano disorientate dal fatto che ciò che avevano in mente non è più quello che desiderano perchè non le valorizza appieno. Questo è un fatto che non deve spaventare, in fondo il nostro occhio non è abituato a vederci in abito bianco e magari lungo.

Altra cosa comune, che blocca le spose nella scelta, è quella di cercare di esaudire i desideri di parenti o amici. Il mio consiglio più grande è quello di scegliere l’abito secondo il proprio stile. E’ la sposa che indossa l’abito per il giorno delle proprie nozze e purtroppo qualsiasi abito venga scelto ci sarà sempre qualcuno a cui non piacerà, quindi perché ripiegare su un abito che non rispecchia e non valorizza la propria personalità e la propria fisicità?

Quali sono le tendenze 2021 in fatto di abiti da sposa?

Le tendenze del 2021 vedono abiti meno strutturati con un maggior utilizzo di tessuti morbidi e leggeri che vanno ad accompagnare le linee delle spose. Molto importante il ruolo del pizzo che diventa più delicato. Anche le trasparenze vengono ammorbidite con l’utilizzo di tessuti come lo chiffon o sovrapposizioni di tulle. La sposa non è vista come una diva o una regina ma più come una dea greca, romantica e seducente.

Se dovessi dare 3 consigli ad una sposa che deve scegliere il proprio abito, che cosa le diresti?

Il primo consiglio, ovvero ciò che ritengo più importante, e quello di non ripiegare su un abito che non ci soddisfa per accontentare gli altri. L’abito deve valorizzare il carattere e il corpo di chi lo indossa; la sposa non deve fare da “manichino” per l’abito.

Inoltre, deve rispecchiare il più possibile la personalità di chi lo indossa. Quando una sposa è a suo agio con l’abito si vede, e questo la renderà ancora più bella e radiosa in un giorno così importante e ricco di emozioni.

Un altro importante consiglio verte sulla scarpa. Non bisogna aspettare l’ultimo minuto per comprarla, sia per poter fare le prove, sia soprattutto per indossarla in casa, così da allargarla e dare la possibilità al piede di abituarsi al modello, evitando così spiacevoli dolori e vesciche che potrebbero guastare la felicità di quel giorno.

Giordania

GIORDANIA: 11 MOTIVI PER VISITARLA

11 MOTIVI PER ANDARE IN GIORDANIA

Il Paese, relativamente piccolo e distante circa  3 ore di volo dall’Italia, è perfetto per un viaggio non troppo impegnativo e stancante, con spostamenti limitati e dell’immenso spessore culturale.
In più la presenza del Mar Morto e di Aqaba, garantiscono ottime soluzioni relax.
Il paese è servito da tutti i principali vettori. L’unico volo diretto di linea è quello proposta dalla Royal Jordanian, con partenza da Roma.

La Giordania è un luogo di pace, un Paese stabile con una monarchia amata e rispettata dalla popolazione che ha saputo ritagliarsi il ruolo di pietra angolare dell’equilibrio geopolitico del Medioriente. Questo fattore è fondamentale per comprendere perché la Giordania sia un luogo sicuro e perché, fino ad oggi, non abbia mai sofferto del problema del terrorismo.

In Giordania vivono in armonia molte culture; i vostri vicini possono essere Circassi, Arabi, Armeni, Kurdi, Europei ed ovviamente Beduini, Fellaheen E Palestinesi, spina dorsale della nazione: fanno tutti parte della società locale, e tutti la arricchiscono con i propri usi e cibi.

Molto tempo prima dell’avvento dell’Islam, la società del luogo era costituita da tribù relativamente indipendenti tra loro, suddivise in clan e famiglie. Attualmente anche qui gli usi e i costumi si stanno modificando, anche se permane abbastanza radicato il modello della famiglia patriarcale: numerosi nuclei familiari vivono insieme o in abitazioni comunicanti. Un invito a pranzo o a cena è la vostra occasione per assaggiare pietanze locali. I due piatti tradizionali della cucina giordana sono il maklouba e il musakhan.

PETRA (Wadi Mousa)

Prima di diventare capitale dei Nabatei fu una città edomita, poi fu sotto il dominio dei romani e prosperò fino a che il commercio carovaniero fu trasferito a Borsa e a Palmyra. In seguito alla decadenza dei commerci fu abbandonata e dimenticata fino al 1812 quando il sito fu rivelato al mondo occidentale dall’esploratore svizzero Johann Ludwig Burckhardt. I Nabatei, di origine semitica e provenineti dall’Arabia del Nord, si stabilirono in questa zona circa 800 anni prima di Cristo e costruirono Petra in una valle protetta da montagne rocciose.

L’unico accesso alla città era possibile percorrendo una stretta e lunga gola (1,2Km ca) denominata Siq. Lungo il Canyon si possono ancora vedere tratti di una conduttura idrica in ceramica che riforniva la città di acqua potabile proveniente da Ain Mousa. Raggiunto l’ingresso ci si trova di fronte alla facciata dell’imponente Tesoro del faraone, Al-Khazneh, monumento di grande effetto scenografico. All’interno della vallata si sviluppa una città meravigliosa scavata nella roccia edifici, templi, tombe, teatri servite da un efficiente sistema idrico. I resti più importanti fiancheggiano su terrazze a vari livelli, la via principale, lastricata. Per visitare il sito occorrerebbero diversi giorni e percorrere i numerosi sentieri che si spingono sulle alture. Gli splendidi edifici scolpiti nella roccia rendono Petra un gioiello di architettura ineguagliabile, non a caso è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO e una delle sette meraviglie del mondo moderno.

Nota importante:

la visita del sito di Petra impone 12/14 km di cammino. E’ una giornata che può essere, in particolar modo d’estate, molto faticosa. In caso di visita guidata segnaliamo che le guide effettuano visite guidate fino al ristorante Crowne Plaza sito in fondo al sito archeologico. L’eventuale ascensione al Monastero viene effettuata sempre senza guida e, se desiderate farla (noi lo raccomandiamo sempre), abbiate cura di non sedervi al ristorante ma di cominciare a salire le scale il prima possibile. Potrete riposarvi al cospetto del Monastero (probabilmente la scultura più grande e meglio conservata di tutte)

archaeological site petra samovar viaggi  Petra giordania seated camels samovar viaggi  camels giordania samovar vaggi 1

WADI RUM (Jabal-Rum)

Gioiello naturale che attrae escursionisti esperti e meno esperti per effettuare passeggiate a piedi, escursioni a dorso di cammello o pernottamenti in campo tendato. Il periodo migliore per visitare il Wadi Rum è la primavera quando sulle colline sabbiose fioriscono centinaia di piante selvatiche: anemoni rossi, papaveri e l’iris nero, simbolo nazionale. Il Wadi Rum, comunque è incantevole tutto l’anno: deserto di sabbia finissima con montagne d’arenaria (Jabal) che si ergono dalle vallate e sovrastano piccoli villaggi beduini.

L’alba o il tramonto nel deserto costituiscono uno spettacolo mozzafiato, qui è possibile rivivere il mito di Lawrence e con un po’ di fortuna vedere: lepri e volpi del deserto, gatti selvatici, lo stambecco di Abissinia e la gazzella e ancora, avvoltoi.  4winds organizza giornate nel deserto con pasti e pernottamenti in tende beduine attrezzate per accogliere il turista, nonché programma escursioni a dorso di cammello o a bordo di jeep.
Eventuali pernottamenti nel deserto vengono effettuati in tende, talvolta con bagno privato.
Durante il periodo di dicembre – febbraio le temperature possono essere severe, talvolta puo’ addirittura nevicare. Suggeriamo, durante il periodo invernale di attrezzarsi con un buon maglione e giacca isolante.

desert samovar viaggi  Wadi Rum panorami spettacolari samovar viaggi  wadi rum desert samovar viaggi

MAR MORTO

A 55 km da Amman, questo mare è la più profonda depressione del pianeta a 395 metri sotto il livello del mare. Le sue acque hanno una concentrazione di sali minerali talmente alta da non permettere alcuna forma di vita. Il luogo è estremamente suggestivo sia per il panorama che offre, sia perché permette a chiunque si immerga in queste acque di galleggiare in maniera più che sorprendente. Le proprietà benefiche e curative del dei fanghi e delle acque termali di questa zona sono apprezzati in tutto il mondo e conosciute fin dai tempi di Erode il Grande, più di 2000 anni fa.

Le attrezzature alberghiere comprendono moderni alberghi, ristoranti, complessi sportivi per soddisfare tutte le necessità del turista. Ottima meta per il relax e lo svago e per coloro che soffrono di disturbi dermatologici e di ipertensione: bagni nelle acque termominerali, piscine riscaldate, bagni di sole, trattamenti con fanghi minerali e Massaggi curativi.

Mar Morto giordania samovar viaggi  mar morto persona a galla samovar viaggi   mar morto lingua di sale samovar viaggi

AMMAN

Rabbath-Ammon, ribattezzata dai Tolomei Filadelfia, oggi è la capitale del Regno Hascemita di Giordania, una moderna metropoli che conserva ancora tracce del suo antico passato. La città ha circa 5000 anni di vita e come molte città antiche fu costruita originariamente su sette colli. Amman è chiamata anche “città bianca” per via delle sue abitazioni bianche. Da visitare: il grande teatro romano costruito nel II secolo a.C., con 5000 posti scavati nella roccia e ancora oggi usato per manifestazioni culturali; il Museo archeologico; la cittadella romana; il Museo del folklore e il Museo di gioielli tradizionali e dei costumi. Privo di storia ma gradevole è il quartiere delle ambasciate, degli edifici reali e governativi, dei grandi alberghi internazionali.

citadel hill Amman Giordania Samovar Viaggi panoramica citta Amman Giordania Samovar Viaggi

JERASH

Città antichissima che conobbe il suo massimo splendore in epoca romano-imperiale, oggi considerata uno dei siti archeologici più importanti e meglio conservati della regione. Seconda solo a Petra per interesse turistico, Jerash conserva resti neolitici, greci, romani, bizantini e omayyadi. Nell’impianto della città, definito come vuole l’urbanistica romana dai due assi il Cardo Maximo e il Decumano, spiccano edifici e aree monumentali come il Foro Ovale, i templi dedicati alle divinità dell’olimpo greco-romano, i teatri e il Ninfeo. Fuori della città un grande arco trionfale e l’ippodromo. Interessanti anche alcune chiese bizantine, che testimoniano la vitalità della città lungo il corso dei secoli.

Jerash Giordania Samovar Viaggi   reiuns Jerash Giordania Samovar Viaggi

KERAK

Esempio di architettura militare dei crociati, la fortezza sorge a metà strada tra Aqaba e Gerusalemme, lungo la via carovaniera che conduceva dall’Egitto alla Siria. Uno dei più importanti avamposti militari costruito dai Crociati nel 1136 ed espugnato da Saladino nel 1189. La posizione dominante ha sempre assicurato alla fortezza una funzione strategica. Il Castello è un oscuro dedalo di sale con volte in pietra e infiniti passaggi.

MADABA

Cittadina a 30 km da Amman, famosa per i suoi eccezionali mosaici di epoca bizantina. Nella splendida chiesa ortodossa di San Giorgio si può ammirare il più celebre di questi mosaici: La mappa della Palestina. Si tratta di un mosaico pavimentale bizantino eseguito con oltre 2 milioni di tessere intorno al 560 d.C.. Le dimensioni originali erano 25X25 metri, in buona parte ancora visibili, il capolavoro raffigura la Terra Santa, la foce del Nilo, il Mar Morto, Gerusalemme e la Chiesa del Santo Sepolcro.

MONTE NEBO

Meta di pellegrinaggio fin dall’antichità in quanto ritenuto il luogo da cui Mosè avvistò la Terra promessa, senza poterla raggiungere. Si ritiene che qui vi sia la tomba di Mosè. Il Monte Nebo è di interesse religioso sia per Cristiani che per Ebrei. Dalla sua vetta, nelle giornate limpide, è possibile vedere Gerusalemme. A protezione dei resti delle chiese del IV e VI secolo, il cui pavimento è ancora ricoperto da splendidi mosaici, vi è una chiesa edificata dai Francescani con interessanti mosaici del VI secolo.

AQABA (Mar Rosso)

Unico sbocco al mare della Giordania, Aqaba si trova sulle coste del Mar Rosso e offre spiagge sabbiose e una splendida barriera corallina. Le eccezionali correnti verticali e le brezze marine rendono le immersioni piacevoli anche con il caldo estivo. Aqaba vanta alcuni tra i migliori centri d’immersione subacquea tra cui il Royal Diving Centre. Crocevia tra Asia, Africa ed Europa la città presenta insediamenti umani risalenti ad oltre 5.500 anni fa. Di particolare interesse sono le rovine delle prime città islamiche risalenti all’eta’ medievale chiamate Ayla e Fort Aqaba, quest’ultima costruita dal Sultano Mamelucco Qansawh Al-Ghawri all’inizio del XVI secolo.

Aqaba by night   Aqaba mix  Aqaba giordania mar rosso samovar viaggi

BEIDA

Conosciuta come La piccola Petra, da cui dista circa 15 km, è un villaggio neolitico risalente al 7000-6600 aC. abitato da contadini e allevatori di bestiame. Al contrario di Petra i muri, le caverne scavate nella roccia, gli scalini, le abitazioni con focolari e macine hanno poche sfumature rosa. Beida venne costruita per confondere il nemico e proteggere Petra. Il suo accesso è costituito da una piccola fessura attraverso cui può transitare una persona alla volta, grazie a questa angusta entrata i nemici venivano facilmente respinti dagli abitanti.

CASTELLI OMAYYADI DEL DESERTO

I castelli del deserto, splendidi esempi di arte e architettura islamica, testimoniano un’affascinante epoca della storia del paese. I loro raffinati mosaici, affreschi, incisioni e stucchi, ispirati alle tradizioni persiane e greco-romane, illustrano storie di vita del VIII secolo. Gli Omayyadi costruirono nel deserto castelli e palazzi che servivano a proteggere le piste carovaniere ma anche ad assicurarsi la fedeltà delle tribù beduine locali. Costruirono inoltre padiglioni di caccia dove si praticava anche l’equitazione, centri agricoli e bagni pubblici.

Tra i complessi meglio conservati: Qusayr Amra, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. I muri e i soffitti sono ricoperti di affreschi unici e due stanze presentano mosaici pavimentali dagli splendidi colori. Altri edifici di particolare interesse sono: Qasr Mushatta, Qasr Kharanah, Hallabath, Tuba e Sarah, tutti castelli costruiti nell’VII secolo dai Califfi Omayyadi di Damasco.

Castelli Giordania Samovar Viaggi   Castelli Omayyadi Giordania deserto Samovar Viaggi